Quando fido la fa lì…

Quando fido la fa lì…

prima parte
Uno dei problemi maggiormente sentiti, da chiunque abbia un cane, riguarda l’eliminazione inappropriata… l’urina e le feci per capirci! Un cucciolo che sporca in casa è una sfida che si deve assolutamente vincere perché è veramente fastidioso confrontarsi con questo tipo di materiale organico soprattutto in casa propria! Tutti vorrebbero avere una soluzione miracolosa che risolva il problema immediatamente e dopo averne provate diverse, si arriva sempre alla più gettonata, quella che conferma che le baggianate persistono per secoli e le verità per un secondo e che consiste nello strofinare il muso del cane sulle proprie deiezioni, scordandosi però che per il cane mangiare le sue feci può essere una pratica del tutto normale. Questo tipo di correzione è figlia del processo di umanizzazione in quanto per noi sicuramente sarebbe considerato un oltraggio e una offesa degradante, per il cane invece è un invito a mangiare una cosa prelibata, quello che lo mette in crisi però è perché lo invitate a mangiare una cosa buona con tanti segnali di tensione! Ed è per questo che la volta successiva che trovate le feci o l’urina per terra lui assumerà quell’espressione che viene descritta come di colpevolezza, come… lui sa che ha sbagliato e si è pentito… e invece non è altro invece che…. “Ei stai calmo eh!!!” non ho fatto nulla! Sono venuto solo a salutarti! Non fare come l’ultima volta!”  Sappiate che il cane dopo un secondo che ha svolto una azione se ne dimentica, quindi punirlo per una cosa che magari ha fatto 3 ore prima è del tutto inutile e controproducente, in quanto identificherà la punizione con il fatto che si entrati dalla porta e da qui l’espressione che abbiamo appena descritto e peggio ancora, potrebbe in futuro, anche scatenare episodi di aggressività da paura. Una tecnica che può dare dei buoni risultati è quella di creare un rumore distraente, tipo battere un piede o far cadere delle monete o sbattere la scatola delle crocchette in modo che il cucciolo interrompa quello che stava iniziando a fare (con un po’ di esperienza sarete in grado di capirlo dai suoi movimenti o dal suo annusare!) per poi prenderlo di peso e portarlo sul substrato che abbiamo predisposto in casa (tipo pannolone) e premiarlo appena la fa. In questa tecnica si deve essere precisi e tempestivi perché una volta che ha iniziato a farla non si può più fare nulla e lo si deve ignorare senza sgridarlo. Il punto di partenza, per cercare di risolvere il problema, è capire che per il cane eliminare le deiezioni (urina e feci) non è fine a se stesso, ma coinvolge diversi aspetti come la preferenza per un luogo rispetto ad un altro, la scelta di un substrato di eliminazione che può variare da soggetto a soggetto, vengono interessare le posture del corpo, il controllo degli sfinteri e anche la capacità della vescica e del colon. Ma andiamo per ordine e nelle prossime puntate vedremo di capire tutto il percorso che porterà il nostro cucciolo a fare le deiezioni nel posto giusto …al momento giusto!

Dott. Fabio Vergoni

torna in alto